Richiedi Informazioni

Misurare le prestazioni su server dedicato: il test di carico

Mi fanno un po ridere i provider che sventagliano magnifiche offerte commerciali: server dedicati economici e al tempo stesso potentissimi. Quasi che misurare le prestazioni su server dedicato sia qualcosa che un cliente non penserà mai di fare.

E siccome preferisco un po di sana analisi tecnica al bruto linguaggio commercialese, in questo post ti dimostrerò come sia possibile – gratuitamente – verificare quanto davvero il tuo server sia in grado di reggere un amumento di traffico.


Cosa è un test di Carico
È un test che consente di verificare i tempi di reazione del tuo server, a parità di configurazione per volumi sempre crescenti di connessioni in ingresso, qui sotto troverai un grafico di esempio sul quale vorrei ragionare assieme a te.

prestazioni su server dedicato

La retta verde rappresenta, in funzione del tempo, il numero di connessioni inviate verso il server web oggetto del test. In un test di carico è importante che questo parametro cresca linearmente in modo da poter valutare in modo più semplice le reazioni del server.

La spezzata blu rappresenta invece il tempo di risposta del server in funzione del tempo e, ovviamente, va raffrontata con la retta verde.

Sull’asse delle ordinate a sinistra troverai i tempi di risposta del server espressi in millisecondi, sull’asse delle ordinate a destra, invece, troverai il numero di connessioni contemporanee inviate verso il server.

Adesso facciamo alcune considerazioni

1) il tempo di risposta del server, se le connessioni sono poche (area del grafico a sinistra) si attesta su 200ms. Si tratta di un buon valore, indice che il sito è fatto bene ed il server non è carico.

2) man mano che le connessioni aumentano (ci spostiamo verso il centro del grafico), aumentando “linearmente” il numero di connessioni in ingresso, il tempo di risposta del server aumenta in modo “tendenzialmente lineare”, fino a circa 40 connessioni al secondo, dopodichè il grafico comincia a mostrare una variabilità molto elevata dei tempi di risposta e questi sembrano aumentare in modo esponenziale.

(Ok, a voler essere proprio fiscale dovrei fare un’interpolazione dei punti e vedere se il grafico approssima veramente una curva esponenziale oppure se da 40 connessioni contemporanee in poi approssima invece una retta con pendenza maggiore, ti prego comunque di seguirmi nel ragionamento)

3) come conseguenza del punto precedente, scopro che il sito risponde con tempi molto variabili ad un numero maggiore di 40 connessioni per secondo e tuttavia se moltiplico 40 connessioni per i secondi che ci sono in una giornata ottengo qualche milione di connessioni.

Il test di carico dell’esempio, quindi, identifica un sito web ben ottimizzato, ospitato su di un buon server, che può gestire fino a qualche centinaia di migliaia di connessioni al giorno senza troppi problemi e può scalare autonomamente fino a qualche milione di connessioni senza risentirne troppo.

Se invece il test di carico mostra tempi di risposta molto variabili già da 5-10 connessioni contemporanee, avete ragione a preoccuparvi. Il server dedicato, la sua configurazione, il vostro codice oppure tutti i predetti fattori insieme, necessitano di essere ottimizzati.

Quando va fatto il test di carico?
E’ segno di buona amministrazione sistemistica effettuare i test di carico prima di mettere online il tuo ecommerce e poi tutte le volte che vengono effettuati degli aggiornamenti importanti al codice del sito oppure alle configurazioni del server.

E se il mio sito è davvero troppo lento?
Il rischio primo è che il server non riesca a far fronte ad un numero di richieste più alto, aumentando i tempi di risposta più lunghi o addirittura rendendo inservibile l’intero sito oltre un certo limite.

Se ti metti nei panni dei tuoi clienti (se hai un e-commerce) oppure dei tuoi lettori (se hai un blog), un sito web lento equivale ad un minor numero di connessioni.

Se ti metti nei panni del crawler di Google, peggio ancora. Il sito è incostante dal punto di vista dei tempi di caricamento (che pesano grandemente nell’indicizzazione), quindi il tuo sito sarà indicizzato male oppure avrà un’indicizzazione ballerina.

E non è certo quello che vuoi, vero?

Cosa posso fare allora?
Se le prestazioni dei tuoi siti e dei tuoi portali e-commerce ti preoccupano, e non sai come intervenire, prova a contattaci, sapremo aiutarti.